abbandonate la nave

Faccio fatica a trovare i tasti e chissà se otterrò almeno il perdono sull’ortografia. Non ti accorgi quando ci finisci dentro, eppure io dovrei saperlo, ne ho fatte tre. Le tre depressioni della mia vita. All’università quando i miei studi erano come l’autostrada di notte, ma senza le uscite, il matrimonio e la figlia , un vicolo chiuso, a scegliere i lavori più vicini perchè papà è lontano. E i soldi servono, mamma, non si mangia senza, non si ha un tetto, e poi è il cane che si morde la coda, una necessità tira l’altra e tu lasci le tue indietro, ci penserò dopo. Anche l’uomo che hai sposato e amavi hai lasciato indietro e non lo riconosci, non lo senti, non ti emoziona più, forse ti fa ridere qualche volta, forse ti da un po’ di tenerezza, ma la tua vita, quella che sognavi dov’è finita, almeno un pezzo?

E allora senti l’urlo “Abbandonate la nave!” ma i topi sono piccoli scuri, e rischi che ti schiaccino mentre cerchi un buco per venirne fuori.  E gli uomini che hai amato, quelli poi con il corpo ti promettono il mondo, quando ti lasciano, io non ti ho mai promesso nulla, ma vedrai che quando il tempo sarà passato riuscirai a cogliere il bello del nostro stare insieme…. e io ormai topo continuo a correre e a cercare il buco.Cazzo, in una nave così maledettamente grande ci sarà un pertugio dal quale scappare.. e invece di risalire mi sembra di finire sempre più in basso alle caldaie, alle stive. E’ un attimo buttarsi nel fuoco, almeno è caldo e io ho solo freddo da dare, un topo fa una fiammata piccola, poi, noi topi che mangiamo poco non lasciamo traccia mai. Neanche in quelli che dicono che ci vogliono bene.  Come diceva il saggio topino che veniva dalla campagna: chi muore giace e chi vive si da pace. E’ un attimo, un coccio di bottiglia, i polsi dei topi sono minuscoli, o quel veleno che prima evitavo come la peste, tutto può alleviare il mio dolore, tranne l’amore che non sento, in nessuno, in nessuno di quelli che quando ero pulito, vaporoso e spazzolato mi dicevano che ero unico.

abbandonate la naveultima modifica: 2008-11-18T15:23:46+01:00da menoveleno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento