Fine.Punto

E’ sorprendente come questa fine di un amore si stia svolgendo secondo il banalissimo copione di un ancora più banale triangolo: marito-moglie-amante.

Mi scrivi che non vuoi infliggere nè a me nè a tua moglie ulteriori sofferenze, che sei rimasto stupito dalla mia violenta reazione al fatto che mi lasciavi perchè tua moglie ti aveva scoperto.

Il punto è che le donne ci credono, sempre, ad un amore in cui tutto, seppur nella sua imperfezione sembrava perfetto. Invece è sempre come recita il copione di quart’ordine. Se non fossi decisamente più minuta, mi sentirei Yvonne Sanson in un film con Amedeo Nazzari. La Piccola sedotta e abbandonata e la moglie che riottiene il marito fedifrago all’ovile. Sì, io non ero vergine, ma tu sai che per un certo verso lo ero, sai dove mi hai incontrata e in che situazione e tutto questo tuo stupore mi lascia perplessa. Non mi conoscevi da un giorno. Sapevi il mio passato e hai conosciuto il mio presente. Ma questo film non finirà come quelli degli anni ’50, io non ho avuto un figlio della colpa (qualcosa almeno di te mi sarebbe rimasto) e tu non tornerai da me chiedendomi scusa. Ti immagino nel salotto di casa tua con il Corriere in mano e gli occhiali sul naso, certo come al solito di te, di aver preso la decisione giusta, soprattutto per me. Ti sentirai magari un po’ triste, anzi te la sarai fatta venire un po’ di tristezza, ma solo per ciò che è stato, non per un sentimento che è ancora presente in te per me, se MAI un sentimento hai avuto. Io non sono certa che tu sia in grado di provare sentimenti. E sono certa che non mi hai lasciato per l’amore che hai per tua moglie, ma per lo scassamento di cazzo che una situazione di rottura comporta e tu in realtà sei un conformista, uno che, da bravo milanese, è bravo a parole. L’amore è un’altra cosa. Io ti ho solo aperto la porta e tu sei andato via di corsa. Certp della tua decisione, certo che fosse una mia decisione, certo di avere ragione, certo che sia la migliore cosa per tutti. E io sono certa, come tu dici che mi hai amato, che non avrò da te mai più notizie.

Fine.Puntoultima modifica: 2008-12-11T16:59:58+01:00da menoveleno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento