Lettera a C.

Tu pensi che io sia cambiata, che io sia diventata “sportiva”, disinvolta, più nordica e meno terrona. Non ti chiamo, non ti dico che ti amo, non faccio più cenno a tua moglie, alla tua vita o alla mia. Aspetto che tu mi chiami per la scopata e ti chiedo solo dove e quando. Faccio finta che non m’importi se fai l’amore con tua moglie e quante volte lo fai, se uscite insieme a cena mano nella mano, se avete festeggiato San Valentino. Ti scopo forsennatamente, ma non ti dico più nulla dei miei pensieri, dei miei desideri, della mia vita. Un rapporto “adulto”, come diresti tu, sono molto cambiata, mi dici. Io invece so che non è così. Millanto un  cambiamento, perchè perderti, l’averti perduto, perchè io ti ho perduto è una ferita che non si rimarginerà mai. Io ti amo, e ti amo nonostante la tua vigliaccheria, il tuo essere borghese piccolo piccolo, il tuo essere attaccato ad una immagine di famiglia perfetta, ti amo nonostante tu voglia tua moglie più di quanto tu voglia me. Ogni volta che ci rivediamo la ferita si riapre mentre io ti dico solo le cose che vuoi sentirti dire o non ti dico nulla. Lunghi momenti di silenzio, solo gemiti, urla di piacere, in quelle urla c’è anche l’esplosione di un dolore mai sanato, messo a cuccia, diventato molesto per te e troppo privato per me. Sei l’uomo che volevo, sei l’uomo della vita, ma io non sono lo stesso per te. Tutti quelli che sanno mi dicono la stessa cosa, che dovrei mollarti e andare avanti, che non meriti un cazzo, per come ti sei comportato, per come sei, per quello che hai fatto a me e a tua moglie (cosa cazzo mi frega di tua moglie). Ma il nulla, ora, è troppo per affrontarlo da sola. Non riesco ancora a rinunciare a te, a dirti arrivederci e grazie. Tutti mi dicono che dovrei lasciare sia te che mio marito. Ma io non riesco a decidere. Non posso costringerti a volermi, posso solo stuzzicarti, posso solo recitare per te la parte della donna libera, della pornostar privata, mentre io per te vorrei essere il mondo e sono solo il tuo giocattolino.

Lettera a C.ultima modifica: 2009-02-23T14:35:00+01:00da menoveleno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento