Si ricomincia

La prima nota positiva di questo 2010 è che sono finite le feste, la vita normale ricomincia, ci lasciamo alle spalle l’obbligo di felicità e bontà, i parenti, gli auguri e i regali e i film del ca… che dovrebbero essere per tutti, ma annoiano anche il mio gatto. Fine dei pensieri sul dove sarà, cosa farà…? Non lo so, … Continua a leggere

da non crederci

Non ci posso credere! lo hai fatto ancora. Ancora una volta tua moglie, la santa, sospetta e te mi tagli. Ma è colpa mia, solo mia. Una volta chiuso non avrei dovuto lasciare un pertugio aperto. Quello che è doloroso e comico allo stesso tempo è che hai rispettato tutti i clichè del marito fedifrago, tutti. Sei un uomo da … Continua a leggere

Non tutto il male…

Quando mi ha lasciata ho cambiato la sim del cellulare, l’ho fatta in mille pezzi, a mano (giuro). Il punto è che tutti i numeri erano rimasti su quella scheda. Non ho riattivato il numero, ne ho voluto uno nuovo e su quello faticosamente ho memorizzato i numeri. Contandoli, mi sono resa conto che sono molto meno di quelli che … Continua a leggere

lasciare, essere lasciati

Attivo e passivo e non è una differenza da poco, né semantica né per gli effetti che produce sulle persone. Ho lasciato tante volte. La mia infanzia con gli unici sogni a sfondo rosa, la mia terra, di una luce che ti fa alzare il gomito per pararti gli occhi dal sole, un sole che brucia e riscalda e non … Continua a leggere

CREDUTA

Oggi finalmente mi hanno creduta! Hanno creduto che il mio dolore è invalidante tanto quanto una gamba rotta o una malattia ai reni. Volevo baciare lo psichiatra, che mi ha capita, non solo valutata, ha compreso che per quanto per gli altri i miei problemi possano sembrare atomi, per me, ora sono tutte le cime degli ottomila. L’altro ieri sono … Continua a leggere

concorso a premi

I più e anche io fino a un po’ di tempo fa dovevo svegliarmi perchè sentivo la sveglia, fare colazione in  fretta, urlare 3/4 volte a mia figlia di uscire dal bagno, urlare a mio marito 4/5 volte di uscire dal bagno e prepararmi in un nanosecondo quando loro erano già usciti per andare anche io a lavorare. Ora tutto … Continua a leggere

abbandonate la nave

Faccio fatica a trovare i tasti e chissà se otterrò almeno il perdono sull’ortografia. Non ti accorgi quando ci finisci dentro, eppure io dovrei saperlo, ne ho fatte tre. Le tre depressioni della mia vita. All’università quando i miei studi erano come l’autostrada di notte, ma senza le uscite, il matrimonio e la figlia , un vicolo chiuso, a scegliere … Continua a leggere